CHI SIAMO - il M.E.D.A. Movimento Europeo Diversamente Abili

Cerca nel sito
Vai ai contenuti

Menu principale:

Chi Siamo

Siamo l'unione morale, spirituale, sociale, cristiana dei diversamente abili d'Italia e di tutta l'Europa.

  • Morale, perché respingiamo la ghettizzazione e l'emarginazione dei diversamente abili, così come la disattenzione e l'indifferenza verso i loro problemi quali atti immorali, contrari a qualunque Costituzione che si definisca democratica.


  • Spirituale, perché nessuno come chi soffre, giomo dopo giomo le proprie pene, si fa partecipe delle pene degli altri. Chi ha in sé il dolore é un portatore di gioia. Chi é abituato al pianto ama il sorriso.


  • Sociale, perché ai diversamente abili é negato il diritto a un reale inserimento nel mondo produttivo, fino a considerarli una sub-popolazione destinata a vivere di assistenza, mentre essi potrebbero essere autosufficienti e non gravare sulla spesa pubblica.


  • Cristiana, perché i diversamente abili hanno dichiarato la loro fiducia nell'operato della Chiesa Cattolica Apostolica Romana, riconoscendo al Papa, ai suoi Cardinali, a suoi Vescovi e ai suoi sacerdoti, la funzione di guide spirituali per affrontare con coraggio e fede le avversità della vita.

Che cos'è il M.E.D.A.

Il M.E.D.A. é un movimento di massa  il cui obiettivo primario é quello di battersi per ottenere quanto ai diversamente abili spetta per diritto qualunque sia la loro fede o il loro credo.

Il M.E.D.A. per diversamente abili non intende solamente coloro che soffrono una qualche disabilità fisica, ma tutti quei cittadini che per condizione sociale sono costretti a vivere ai limiti della sopportabilità civile quali pensionati, disoccupati, emarginati etc.







 
Copyrigth 2008 -2013 ®  M.E.D.A. Tutti i Diritti Riservati
Seguici anche su Facebook
FeedReady. L'App Mobile Gratuita, disponibile sia per iOS che per Android, per tenerti informato
di tutte le News del M.E.D.A. anche dal tuo smartphone e tablet!
clicca sul QR-Codes- per il Download App
Torna ai contenuti | Torna al menu